Vari

In Abruzzo arrivava la Pasqua quando…..

12834891_248409112163934_1695160502_n
Grazie a Chiara per il disegno

 

Buona Pasqua a tutti!

La Pasqua come il Natale mi fa tornare indietro con la memoria a quando ero piccola.

In Abruzzo arrivava la Pasqua quando la mia bis nonna diceva a tutti..”dobbiamo fare i castelli”. I castelli erano pupe, cavalli e cuori: dolci dalle forme strane fatti di pasta di mandarla e cioccolato

Le pupe venivano poi date alle nipotine (io ero l’unica femminuccia del gruppo), i cavalli ai maschetti e i cuori ai generi/ nuore.

Arrivava Pasqua quando la casa di riempiva di odore di formaggio. Si passava giornate intere a fare i “fiadoni”: pasticci salati di formaggio fresco. La Pasqua della mia infanzia era quella, mangiavo “fiadoni” e “pupe”, in realtà non ho mai capito perché non potevo avere il cavallo (a me piaceva di più!!) ma come “donna “ dovevo” avere la pupa!!Alla faccia della teoria del genere di oggi!

Le uova di cioccolato erano 2, uno per me e uno per mio fratello (arrivavano dalla nonna che non faceva i “castelli”) ed erano un prodotto da consumare con estrema oculatezza visto che il cioccolato in casa mia c’era solo a Pasqua!!

Diversamente da oggi,da quando c’è mia figlia iniziano a girare uova di cioccolato già da carnevale e terminano a Giugno, quando presa dalla disperazione produco torte mai viste!!

Arrivava la Pasqua quando il venerdì si cantavano canzoni tristissime dietro a uomini vestiti di nero che portavano Gesù tutto martoriato.

Il giorno di Pasqua eravamo almeno 12 persone, tra vecchi, genitori e bambini e si passava la giornata a mangiare. Nel menù abruzzese non poteva mai mancare l’agnello allevato spesso per essere immolato in quella occasione!! Tristissimo!! Noi bimbi andavamo quasi tutti i giorni nella stalletta a salutare i nuovi agnellini, questo fino a qualche settimana prima di Pasqua…quando misteriosamente sparivano!!con grande sconforto e tristezza da parte di tutti noi piccoli!

 

Tutti ricordi che fanno parte della tradizione contadina e popolare. Mi piacerebbe che qualcosa arrivi anche a mia figlia perché è sempre importante capire da dove si è partiti, per apprezzare quello che si ha dove siamo arrivati.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...